Pesca e plastica, tartarughe in pericolo. Legambiente lancia “Tartalove”

di Redazione

Intrappolate nei rifiuti, soffocate dalle fibre plastiche fluttuanti, catturate accidentalmente dai pescatori o ferite dalle eliche delle imbarcazioni. Nel Mediterraneo ogni anno più di 40mila tartarughe marine, specie protetta a livello internazionale e inserita nella lista rossa delle specie in pericolo dell’IUCN, muoiono a causa del crescente impatto delle attività antropiche, del dilagare dei rifiuti plastici in mare e sulle spiagge.
Per contribuire alla salvaguardia delle tartarughe marine, Legambiente ha lanciato la campagna Tartalove, che tramite l’adozione simbolica degli esemplari, contribuisce a finanziare le spese vive dei centri di recupero, le medicine necessarie, gli interventi veterinari e le attività di monitoraggio dei nidi.
“In meno di un anno – ha dichiarato il responsabile della campagna Stefano DiMarco – abbiamo potuto provvedere all’acquisto di nuove e più moderne attrezzature per il centro recupero tartarughe di Talamone (Gr), abbiamo contribuito alle spese di gestione del Centro di Manfredonia (Fg), uno dei più attivi in Italia, e stiamo attualmente allestendo un presidio di primo intervento a Pollica nel Parco Nazionale del Cilento”.
Quasi tutte le tartarughe ricoverate nei centri di recupero di Manfredonia e Talamone avevano ingerito rifiuti in plastica: residui di buste e di cassette ortofrutticole ma anche pezzi di palloncini colorati e tappi di bottiglia. La plastica ingerita può dare senso di sazietà e bloccare l’istinto di nutrirsi provocando denutrizione, può occludere l’intestino con conseguenze letali, può anche aumentare il galleggiamento dell’esemplare, impedendogli di immergersi e quindi di nutrirsi adeguatamente.
Per questo Legambiente impegna ogni giorno esperti e volontari nelle attività di tutela dell’ambiente e cura delle tartarughe in difficoltà.
Sul sito www.tartalove.it è possibile visionare periodicamente le foto e le brevi storie delle tartarughe da adottare personalmente o come regalo per una persona cara. Per ogni donazione verrà inviato un piccolo kit di adozione paper-free, che include un certificato di adozione, una fotografia della tartaruga scelta e un racconto più ampio della sua storia.
In occasione del Natale, la Ong ha aperto uno store su Worth Wearing (https://worthwearing.org/apparel), dove è possibile acquistare t-shirt e felpe on demand con la grafica di Tartalove, il cui ricavato andrà alla campagna per la tutela delle tartarughe.

Lascia un commento