Puliamo il Mondo, al via la 28esima edizione

Dal 25 al 27 settembre torna l’edizione annuale di “Puliamo il mondo” organizzata da Legambiente. Sostenibilità, impegno civile, inclusione sociale, al centro della tre giorni di volontariato ambientale

Anche in tempo di Coronavirus non si ferma Puliamo il Mondo, la versione italiana del più grande appuntamento di volontariato ambientale – Clean-Up the World, nato in Australia nel 1989. In concomitanza con la Giornata mondiale di azione per la giustizia climatica, e per tutto il week-end del 25-26-27 settembre, la storica campagna organizzata dal 1993 in Italia da Legambiente, chiama all’azione volontari e cittadini per ripulire dai rifiuti abbandonati strade, vie, piazze, aree verdi, ma anche spiagge e sponde dei fiumi, e lanciare un messaggio di speranza al Paese duramente colpito nei mesi scorsi dalla pandemia.

Sostenibilità ambientale, impegno civile, senso di comunità e inclusione sociale, ma anche sport e attività fisica sono le parole chiave al centro di questa 28esima edizione. Motto scelto per Puliamo il mondo 2020 è “per eliminare le tossine a volte basta un cestino. Fai l’attività fisica che fa bene a te ma anche all’ambiente”.

«Un modo semplice ma efficace per aiutare l’ambiente – spiega Stefano Ciafani, Presidente nazionale di Legambiente –, per combattere la maleducazione ma anche i pregiudizi e il razzismo, e contribuire ad un futuro più sostenibile e solidale. E in vista della giornata mondiale di azione per la giustizia climatica vogliamo ribadire l’urgenza di accelerare il passo nelle politiche climatiche e definire delle strategie coordinate tra i diversi Paesi per rispettare gli impegni presi, a partire dall’Accordo di Parigi, e per mettere in campo politiche adeguate allo scenario che la crisi climatica ci impone già, che sono ancora più urgenti in questa fase di ripartenza dell’economia dopo la crisi causata dalla pandemia».

Gli appuntamenti in programma

Tanti anche quest’anno gli appuntamenti in programma dal nord al sud Italia, tutti organizzati nel pieno rispetto delle normative anti-covid e che vedranno i volontari muniti di guanti, ramazze e mascherine. Bergamo, città simbolo della pandemia, Napoli e Borgo Cerreto, in provincia di Perugia, in Umbria, ospiteranno gli eventi di punta di questa edizione 2020 che coinvolgerà come sempre tantissimi giovani, famiglie, comuni, aziende e ben 41 associazioni. Un week-end green e di impegno civile che unirà città, località marine e lacustri, piccoli comuni e aree montane: da Ravenna dove si ripuliranno dai rifiuti abbandonati diverse spiagge interessate dalla nidificazione del fratino a Pescara, da Roma a Torino a Cagliari, passando per Pisticci (Mt) e Pontecagnano (Sa), solo per citarne alcuni.

Per aderire all’iniziativa, è possibile cercare il circolo Legambiente più vicino cliccando qui o partecipare a uno degli eventi programmati: tutti gli appuntamenti.

Puliamo il mondo 2020 è realizzato in collaborazione con la Rappresentanza in Italia della Commissione europea e gode del patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, di UPI (Unione Province Italiane), FederParchi, Unep (Programma per l’Ambiente delle Nazioni Unite).

Lascia un commento