La clausura nella clausura al tempo del Coronavirus

Nel convento di clausura dei Santi Domenico e Sisto, il Coronavirus è entrato nella vita delle monache domenicane, che hanno dovuto fare esperienza con qualcosa di inaspettato e terribile che però non ha intaccato ma rafforzato la loro fede.

Siamo le monache domenicane del monastero dei SS. Domenico e Sisto in S. Maria del Rosario.

Il nostro monastero è situato sull’ultimo scorcio della Via Francigena, prima di raggiungere piazza S. Pietro attraverso la Via Trionfale. I pellegrini arrivando a Roma a piedi o in bici, prima si affacciano dal parco di Monte Mario sul panorama splendido di Roma e della Cupola di S. Pietro; poi raggiungono il nostro monastero, per venerare la Madonna del Rosario, icona di San Luca, che protegge i pellegrini. Questa icona risale al VII secolo: La tradizione la fa risalire alla comunità delle prime sorelle benedette da s. Domenico il 28 febbraio 1221, come custodi di tale icona. 

Un pellegrino inatteso in clausura

Siamo state tutte noi sorelle contagiate dal Covid e durante tutto il periodo di una lunga quarantena abbiamo vissuto una clausura nella clausura. La consorella infermiera ha consultato subito il medico sul come doveva organizzarsi con i farmaci e abbiamo iniziato subito la cura. Una consorella non affetta dalla febbre distribuiva il cibo ad ognuna e nel bisogno, si aiutava chi stava in peggiori condizioni.

Il Covid-19 ha colpito ognuna in maniera differente e l’esperienza è stata diversa dall’una all’altra; infatti c’è chi ha potuto leggere e pregare e chi ha avuto anche l’appannamento della vista, ma tutte abbiamo avuto il pensiero a chi stava negli ospedali a causa di questa pandemia e continuiamo a pregare per la loro guarigione fisica e spirituale.

Noi invece vivendo in comunità non abbiamo sofferto la solitudine ma abbiamo sentito l’affetto e la vicinanza delle consorelle che attraverso il citofono si preoccupavano e ci chiedevano: “Come stai? Hai preso le medicine? Hai bisogno di qualcosa?”.  

La presenza di Dio e di Maria ci ha sostenute e non ci ha mai abbandonate. Abbiamo seguito la Santa Messa attraverso i mezzi di comunicazione e abbiamo ricevuto tutti i giorni la santa Comunione e questo ci è stato di grande aiuto.

Per riprendere tutte le nostre forze ci è voluto un bel po’ di tempo. La nostra Chiesa, che era aperta al pubblico, è rimasta chiusa per quasi due mesi e con grande felicità abbiamo riaperto per la celebrazione della Santa Messa presieduta dal nostro padre Maestro Generale fra Gerard Timoner III in occasione del nostro Giubileo degli 800 anni di fondazione della nostra Comunità, avvenuta il 28 Febbraio 1221, direttamente dal nostro Padre San Domenico di Guzman.

È stata una bellissima ed emozionante e ricca celebrazione con tanti fedeli, una vera festa, una rinascita. Il Signore è fedele!

Siamo uscite dalle stanze come orsi dalle tane dopo un lungo letargo

Felici di poter ricominciare la vita in comune e di conseguenza tutta la nostra giornata di preghiera: la liturgia delle ore cantate, lavorare insieme e partecipare alla ricreazione, dove abbiamo ricordato e condiviso ognuna di noi la propria esperienza di malattia.

Ringraziamo infinitamente Dio e la nostra Madonna di San Luca che ci ha protette e grazie a lei siamo tutte vive e in buona salute adesso.

Possa il Signore ripagare tutti gli amici della nostra comunità per l’aiuto spirituale e materiale. Grazie per le vostre preghiere, sebbene questo sia il nostro compito principale, anche noi ne abbiamo bisogno.

Speriamo che questa pandemia globale finisca quanto prima e coloro che hanno lasciato questa vita siano accolti in paradiso.

Le monache domenicane del Monastero SS. Domenico e Sisto in Santa Maria del Rosario

Via Alberto Cadlolo 51- Roma. Tel – 06.35420940 – e-mail: monasdomroma@libero.it

Vuoi tenerti aggiornato sulle ultime notizie?
Iscriviti alla Newsletter di Terra e Missione

Lascia un commento