Sud Sudan. In viaggio con i missionari Comboniani

Fino ai confini della terra” è la rubrica che ospita viaggi virtuali in compagnia di missionari e missionarie che vivono negli angoli più difficili e dimenticati del pianeta. Questo mese ci colleghiamo da Nairobi, in Kenya, dove il missionario comboniano Christian Carlassare ha ricevuto assistenza e cure mediche dopo il ferimento nel recente agguato in Sud Sudan.

Mons. Christian Carlassare, vescovo eletto di Rumbeck in sud Sudan

La puntata di “Fino ai confini della Terra” sarà trasmessa in diretta streaming il 31 maggio, alle ore 20:30, sulle pagine Facebook e YouTube di Terra e Missione.

copertina evento missionari Comboniani in Sud Sudan

La missione a Juba, Sud Sudan

Monsignor Christian Carlassare, 43 anni, missionario comboniano originario di Piovene Rocchette (VI) è in Sud Sudan dal 2005. Ha lavorato per undici anni nella parrocchia di Holy Trinity (Old Fangak County), nello stato di Jonglei, nella parte orientale del Paese, dove ha imparato la lingua e la cultura nuer.

Dal 2017 si è occupato a Juba, capitale del Sud Sudan, della formazione dei giovani comboniani sudanesi durante i primi passi missionari. Dal 2020 a oggi è stato vicario generale della Diocesi di Malakal, nel nordest del Paese. L’8 marzo scorso Papa Francesco l’ha nominato vescovo nella giovanissima diocesi di Rumbek, al centro del Paese, nata solo nel 1975, dove sono presenti soprattutto cristiani dinka, l’altra grande etnia del Paese.

Prima della sua consacrazione episcopale, prevista per il 23 maggio di quest’anno, è stato vittima di un agguato a Rumbek dove i due assalitori gli hanno sparato alle gambe nella notte tra domenica 25 e lunedi 26 aprile scorso. Decine di persone sono state arrestate, tra cui autorevoli responsabili della diocesi di Rumbek, e le indagini sono in corso.

Il carisma Comboniano

Il 31 maggio padre Christian si collegherà dal suo letto d’ospedale a Nairobi, in Kenya, dove ha ricevuto assistenza e cure mediche, non per tornare su trame e sviluppi della violenza subita, ma per ripercorrere insieme il suo tragitto di fede e la sua vocazione comboniana nel cuore dell’Africa con l’Africa nel cuore.

I missionari Comboniani oggi collaborano a rendere le chiese locali sempre più autonome e capaci di autogestione, incarnando nel tempo presente la grande intuizione del loro fondatore San Daniele Comboni: “Salvare l’Africa con l’Africa”.

Insieme a padre Christian saranno presenti p. Filippo Ivardi Ganapini, direttore di Nigrizia, che approfondirà l’mpegno dell’istituto nel mondo della comunicazione sociale; fr. Antonio Soffientini, fratello comboniano che risiede a Venegono (Va), dove è impegnato nell’animazione missionaria; Margherita e Marta, due giovani del Gim – Giovani Impegno Missionario, che racconteranno il loro cammino di formazione missionaria e ci illustreranno le opportunità di volontariato per i giovani che desiderano vivere un’esperienza di missione e servizio.

I ragazzi del Gim, giovani impegno missionario
Vuoi tenerti aggiornato sulle ultime notizie?
Iscriviti alla Newsletter di Terra e Missione

Lascia un commento