Un giovane Salesiano scala l’Everest. In vetta a un sogno

A 24 anni il giovane Tagit Sorang Abraham, Salesiano Cooperatore, è riuscito a realizzare il sogno di una vita: raggiungere la vetta del Monte Everest.

di Redazione

Tagit Sorang Abraham è nato il 30 giugno 1996 nel villaggio di Kra Daadi, Stato dell’Arunachal Pradesh, India, quasi al confine con la regione autonoma cinese del Tibet, un villaggio così remoto che ancora oggi non è collegato da strade. È nato in una famiglia molto povera ma ha comunque potuto frequentare le scuole, fino al college statale “Dera Natung” di Itanagar.

Sorang Abraham sin da piccolo sognava di scalare l’Everest: aveva letto di Bachandri Pal, la prima donna indiana a scalare l’Everest e di Tati Mra, il primo scalatore dell’Everest dell’Arunachal Pradesh. E così si è iscritto a un corso di alpinismo di base presso Dirang, nel 2013. Tra il 2017 e il 2019 ha affrontato con successo diverse cime significative, tra cui il monte Kangto, la vetta più alta dell’Arunachal Pradesh.

Allo stesso tempo, fin dalla tenera età, si è sentito attratto dal cattolicesimo. Ha ricevuto il Battesimo insieme ad uno zio nel 2000, e quando si è trasferito ad Itanagar per studiare ha conosciuto il gruppo giovanile dei Salesiani della parrocchia “Santa Maria”. Oltre a fare il chierichetto, è stato Segretario dell’organizzazione giovanile della parrocchia e anche Segretario per l’Educazione dell’ala giovanile dell’Associazione Cattolica di tutto l’Arunachal Pradesh (AAPCA).

Nel 2016 è divenuto aspirante dell’Associazione dei Cooperatori Salesiani e il 22 ottobre 2019 ha emesso le sue promesse nelle mani del Rettor Maggiore, Don Ángel Fernández Artime, all’epoca in visita all’Ispettoria Salesiana di Dimapur, India. Ha servito anche come guardiano del convitto del Centro Giovanile Don Bosco di Itanagar, nonché nello staff di Childline, una ONG dedicata al salvataggio e alla riabilitazione dei giovani a rischio.

L’Everest continuava a rimanere un sogno nel cassetto perché non riusciva a raccogliere fondi sufficienti per affrontare le spese di una simile spedizione. Ma lui non ha perso la speranza. Nel 2021 il Dipartimento degli Affari Giovanili del governo dell’Arunachal Pradesh gli ha offerto una sovvenzione di un milione di rupie per le spese (oltre 11mila euro); lui stesso ha allora raccolto un altro milione di rupie da amici e benefattori ed ha chiesto un prestito di altre 600mila. Alla fine, ha raccolto i fondi sufficienti per fare il viaggio e nel mese di maggio ha raggiunto il Campo Base II, in Nepal.

Durante il viaggio il maltempo ha costretto la maggior parte degli alpinisti ad abbandonare l’impresa e a tornare nei loro Paesi. Anche la guida sherpa, che accompagnava il gruppo, voleva abbandonare la scalata, ritenendola estremamente pericolosa.

Sorang Abraham sapeva che un altro viaggio sarebbe stato impossibile per lui. E si è messo a pregare: è un grande devoto di Maria. Ha recitato il rosario e letto la Bibbia chiedendo a Dio di dargli un po’ di bel tempo. Il 29 maggio il tempo è migliorato e il 30 maggio hanno iniziato l’ascesa alla vetta, raggiunta alle 8:45 del giorno successivo, Festa della Visitazione di Maria.

Lì, in piedi sulla vetta più alta del mondo, Sorang Abrham ha reso grazie a Dio impegnandosi a dare la sua vita al Signore.

Salesiano scala Everest

Felice per aver realizzato il suo sogno, Sorang Abrham, si dice però consapevole che l’Everest non è il monte più difficile da scalare: quello è il monte della santità, sui cui ha già messo gli occhi e che intende raggiungere attraverso il servizio amorevole ai giovani come Salesiano Cooperatore.

(Fonte: Agenzia Notizie Salesiana: ANS)

Vuoi tenerti aggiornato sulle ultime notizie?
Iscriviti alla Newsletter di Terra e Missione

Lascia un commento