All’Università Urbaniana la prima donna segretario generale: è una missionaria scalabriniana

Una missionaria scalabriniana è la nuova segretaria generale della Pontificia Università Urbaniana. È la prima volta dalla sua fondazione (nel 1627), che l’incarico viene assegnato a una donna.

di Redazione

È la scalabriniana suor Pietra Luana (Etra) Modica la nuova segretaria generale della Pontificia Università Urbaniana. La nomina ufficiale è stata firmata dal cardinale Luis Antonio Gokin Tagle, prefetto della Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli e gran cancelliere dell’ateneo.

È la prima volta dalla sua fondazione (nel 1627), che l’incarico viene assegnato a una donna. “Ringrazio il cardinal Tagle e la congregazione delle suore missionarie scalabriniane – spiega Suor Etra –. Porto nella mia storia il carisma a servizio dei migranti, perché la formazione è una delle chiavi dell’integrazione e di nuove opportunità anche per le religiose e i religiosi che provengono da diversi paesi e studiano all’università Urbaniana”.

L’Università nasce nel Seicento con uno scopo profondo: formare missionari e confrontarsi così con i popoli del mondo. In sostanza, già allora venne creato a Roma un osservatorio globale capace di puntare a percorsi educativi per rafforzare il dialogo e il confronto.

“In comunione con le consigliere generali, con tutte le Suore Scalabriniane e in comunione con la famiglia scalabriniana, ringrazio il cardinal Tagle per la nomina di Suor Etra Luana Modica – dice suor Neusa de Fatima Mariano, superiora generale delle Scalabriniane – che è per noi un riconoscendo della nostra missione con i migranti e i rifugiati. Lo accogliamo come un servizio alla Chiesa, con uno sguardo internazionale”.

Suor Etra Modica ha una vasta esperienza in campo formativo e nella pastorale migratoria, avendo coperto ruoli all’interno della propria Congregazione e in ambiti di organismi ecclesiali.

Nella foto in allegato: suor Etra Modica in udienza da Papa Francesco

Vuoi tenerti aggiornato sulle ultime notizie?
Iscriviti alla Newsletter di Terra e Missione

Lascia un commento