Il Te Deum delle monache Redentoriste: Eucaristia, fonte e culmine della vita

Dalla comunità delle monache Redentoriste di Magliano Sabina, un inno di ringraziamento per l’Anno 2021 con i più bei momenti vissuti dalla comunità

Carissimi,

vogliamo condividere con voi i più bei momenti nella vita della nostra comunità, vissuti in quest’anno. Per noi è stato un anno in cui abbiamo sperimentato tanta premura e tenerezza di Dio che provvede sempre a tutte le nostre necessità. E noi abbiamo risposto a questo Amore con la fedeltà alla nostra vocazione di consacrate che cercano dovunque il Volto di Dio, seguono con amore le pedate di Gesù e, nella preghiera, si prendono cura di ogni uomo della terra!

Sicuramente l’avvenimento più grande nella vita della nostra Comunità è stata la professione solenne della nostra sorella Anna Maria, il 12 settembre. Ringraziamo tutti coloro che hanno partecipato spiritualmente alla nostra grande festa che, a causa della pandemia, è stata celebrata nell’intimità della nostra Comunità, nella Cappella del Monastero.

La Santa Messa è stata presieduta dal Vescovo Mons. Ernesto Mandara, con i Concelebranti – i nostri fratelli Redentoristi venuti da Roma: padre Pietro Chyla, p. Vincenzo La Mendola e p. Nicolas, Consigliere Generale, CSsR. Ringraziamo il vicario del Vescovo, don Paolo Gilardi, che ha svolto il ministero di Cerimoniere, rendendo ancora più solenne e dignitosa la nostra Celebrazione.

Ogni consacrazione è, prima di tutto, una risposta generosa alla chiamata di Dio, un fiducioso abbandono al Suo Amore, un’offerta, libera e convinta, che diventa la medicina più efficace per il nostro mondo, logorato dal cancro dell’infedeltà, delle divisioni, dell’egoismo e dell’abbandono della fede.

A luglio abbiamo vissuto il nostro Ritiro annuale. Ringraziamo p. Giacinto Zdrzalek, CSsR, che, con tanto entusiasmo, ci schiudeva gli immensi misteri dell’Eucaristia, per farci gustare sempre più il legame stretto tra la nostra vita consacrata e l’Eucaristia, perché il vero senso e il valore della vita consacrata è racchiuso in questo Sacramento, “l’invenzione d’amore” (C. Crostarosa). E noi, Redentoriste, che siamo chiamate ad essere Memoria Viva di Gesù, nel senso eucaristico, vogliamo vivere l’Eucaristia come “Fonte e culmine” della nostra vita; lasciarci trasformare totalmente dall’Amore, per diventare un dono d’amore, con Cristo, per Cristo e in Cristo, per tutti i nostri fratelli nel mondo.

Quest’anno, nonostante la pandemia e le sue conseguenze, abbiamo potuto continuare la nostra formazione permanente, sia in presenza che on-line, e siamo grate a Dio per tutte le opportunità che ci manda, per noi molto importanti, perché “l’impegno formativo non cessa mai” (Giovanni Paolo II) e tende alla trasformazione di tutta la persona, fino ad avere “gli stessi sentimenti di Cristo” e diventare “Ritratti animati di Gesù” (M. Celeste Crostarosa) – solo così possiamo testimoniare al mondo, comunitariamente, l’immenso Amore di Dio Padre.

Ringraziamo il nostro Vescovo Mons. Ernesto Mandara, i sacerdoti della nostra Diocesi e i nostri fratelli Padri Redentoristi che con tanta dedizione, umiltà e competenza hanno condiviso con noi le ricchezze della Parola di Dio e della vita spirituale. Grazie per la disponibilità e il servizio fraterno. Dio Vi ricompensi!

Ringraziamo Dio anche per la nuova possibilità degli incontri on-line tra i nostri 4 Monasteri presenti in Italia, e grazie al padre Sabatino Majorano, CSsR, grande studioso e conoscitore della spiritualità della nostra M. Fondatrice, che si è reso disponibile per commentare per noi le Regole della Beata M. C. Crostarosa.

Molto incisiva è stata la conferenza (on-line) di Mons. J. Carballo in occasione della Giornata Pro Orantibus, sul tema “Vita contemplativa profezia di fraternità”. Il tema è molto caro a noi, perché racchiude il nucleo della nostra spiritualità Redentorista ed è quanto mai attuale per la vita del nostro mondo, bisognoso della “spiritualità della fraternità” (Fratelli tutti). I nostri Monasteri devono essere i luoghi di comunione, fari di luce per tutti.

“La carità per essere testimoniata, deve essere vissuta all’interno della Comunità ecclesiale” – queste parole del nostro vescovo E. Mandara ci possono aiutare nel cammino sinodale che tutti siamo chiamati ad intraprendere. “E perché la chiesa sinodale non sia un miraggio, ma un sogno da realizzare, è necessario sognare insieme, pregare insieme, partecipare insieme” (Card. J. B. de Aviz).

Il nostro cammino verso la Federazione sta proseguendo: il 20 maggio c.a. abbiamo ricevuto il Decreto della Santa Sede con il quale costituisce la Federazione “Beata Maria Celeste” (Europa – Africa – America Sud) e nomina p. Piotr Chyla, CSsR, come Assistente Religioso della Federazione. Buon cammino a tutte!

Nel mese di agosto con grande gioia abbiamo ospitato tra noi sr Eva B. dalla comunità di Bielsko-Biala (Polonia). Questi incontri ci fanno sentire fortemente il calore dell’unica Famiglia Redentorista! Abbiamo gioito anche per la presenza tra di noi delle nostre sorelle Giulia e Lucia! Affidiamo alla Madonna il cammino vocazionale della giovane Sara.

Ringraziamo la comunità delle nostre consorelle di Leopoli in Ucraina per la calorosa accoglienza della nostra sorella Nadia che per qualche giorno ha potuto apprendere da suor Maria S. l’arte dell’iconografia. Preghiamo per la costruzione del Monastero in Ucraina, per questa giovane comunità.

La nostra consorella sr Monica M. ha chiesto il trasferimento nella Comunità di Foggia, nostra Casa filiale. Ringraziamo le nostre Sorelle che con impegno e amore diffondono il culto della nostra Beata Madre.

Ringraziamo Dio per il dono della Santa Messa quotidiana, a cui di nuovo possono partecipare, con immensa gioia, anche le persone da fuori.

Nel mese di marzo, in occasione dell’Anno dedicato a San Giuseppe, abbiamo situato, in modo solenne, la bellissima statua del santo Patriarca, all’ingresso della nostra Casa. Ti preghiamo, San Giuseppe, continua a custodire e proteggere la Chiesa e tutte le famiglie del mondo!

Dal mese di dicembre abbiamo cominciato la Lectio divina con la partecipazione dei laici della nostra città di Magliano. L’ascolto della Parola di Dio e la condivisione, fatta con semplicità che però racchiude una preziosa testimonianza di vita di fede, ci arricchisce tutti ed è un’opportunità per costruire insieme la nostra Chiesa locale.

Ringraziamo per le preghiere e per il dono della S. Messa per i nostri cari defunti, perché quest’anno sono passati alla Casa del Padre la mamma di sr Edvige e il papà di sr Anna A.

Carissime Sorelle Redentoriste di tutto il mondo, carissimi Padri Redentoristi, abbiamo partecipato sempre, con affetto e preghiera, alle gioie e ai dolori vissuti nelle Vostre Comunità.

Auguri per tutte le gioiose ricorrenze che, quest’anno, sono state tante nella nostra Famiglia Redentorista!

La nostra riconoscenza a tutti i Benefattori, che nonostante il difficile tempo di pandemia, anche quest’anno, ci hanno sostenuto, con tanta premura e generosità, come gli Angeli della Provvidenza. Abbiamo sperimentato innumerevoli gesti di bontà, di condivisione e di affetto, gesti che ci commuovono, ci rallegrano e diventano una preghiera continua di lode e d’intercessione. Carissimi, siete i fiori più belli che ogni giorno portiamo sull’Altare del Cuore di Dio e lì mettiamo tutte le Vostre intenzioni, con la certezza che Dio provvederà a tutti i Vostri bisogni, come Voi avete provveduto sempre a noi. Grazie!

Chiediamo alla Madonna di prepararci alla venuta di Gesù, per saperLo riconoscere ed accogliere in ogni persona e in tutte le situazioni della nostra vita. Il Signore è vicino!

Con immenso affetto e tante preghiere.

Sr. Alicja Swies, Superiora del Monastero di Magliano Sabina

Vuoi tenerti aggiornato sulle ultime notizie?
Iscriviti alla Newsletter di Terra e Missione

Lascia un commento