Congo. In viaggio con le missionarie di Maria-Saveriane

Nuova tappa della rubrica “Fino ai confini della terra”. Domenica 22 maggio Anna Moccia e Pietro Rossini SX si collegheranno in diretta streaming con le missionarie di Maria-Saveriane in Congo, che a Uvira, nel Sud Kivu, gestiscono il “Centro Betania” per offrire assistenza e cure ai disabili fisici di tutte le età.

Direttamente da Uvira, alle ore 18 (italiane), la direttrice del Centro Rosanna Bucci ci parlerà dei progetti avviati dalla congregazione nel campo sanitario e della promozione umana. Collegate dall’Italia ci saranno, inoltre, la vicaria generale Nyirankera Marie Dukuze, originaria della Repubblica Democratica del Congo; Elena Conforto, consigliera generale; Simonetta Soliani, laica Saveriana; Simonetta Caboni, giovane missionaria di Maria-Saveriana, che approfondiranno il carisma della congregazione e il dono dell’annuncio per la missione.

La rubrica live si inserisce nel percorso di avvicinamento al Festival della Missione, in programma dal 29 Settembre al 2 Ottobre 2022.

Sarà possibile seguire l’evento in diretta streaming sul canale YouTube di Terra e Missione: www.youtube.com/terraemissione

La missione a Uvira

Il “Centro Betania” di Uvira è un centro di riabilitazione e fisioterapia nato circa 35 anni fa grazie alla missionaria Saveriana Bambina Piatti e all’aiuto di vari benefattori. In questo centro si curano le persone con handicap motorio e sensoriale e gli ammalati di tubercolosi ossea e di epilessia. Oltre al servizio di fisioterapia e di infermeria le missionarie hanno un laboratorio per realizzare protesi.

Betania è un centro di adattamento e riabilitazione: si curano bambini esiti di poliomielite, tubercolosi ossea, malformazioni congenite, epilessia e bimbi cerebrolesi. All’interno è presente anche una scuola per bambini sordomuti (attualmente sono 50), ufficialmente riconosciuta dallo Stato, che paga agli insegnanti un esiguo salario.

Complessivamente nel centro sono impiegati 30 dipendenti, tra insegnanti, fisioterapisti, tecnici, infermieri, guardie notturne, giardiniere e amministrativi.

La casa dell’accoglienza

Il nome “Betania” nasce da un preciso disegno d’amore: come Gesù trovava accoglienza, rifugio e ristoro presso i suoi amici Lazzaro, Maria e Marta, così i bisognosi, nei quali si riflette il Suo volto, possono trovare accoglienza, rifugio e ristoro presso gli amici di Gesù. È con questo spirito che le Saveriane svolgono l’opera di accoglienza per tanti bambini, ragazzi e adulti che nel centro possono trovare una famiglia e le cure necessarie. Il Centro Betania assiste persone provenienti dalla città di Uvira e dintorni, dalla Zona di Fizi e della Piana della Ruzizi fino a Kamanyola. 

Come sostenere il progetto in Congo

Si può sostenere il cammino delle missionarie attraverso l’app Tucum, nata per effettuare donazioni da dispositivi Android o iPhone con un semplice click. Per sostenere il progetto scarica l’app, clicca su “sostieni un ente accreditato”, inserisci l’importo della donazione, poi clicca su “scegli fondo” e infine seleziona “Missionarie di Maria-Saveriane”.

Vuoi tenerti aggiornato sulle ultime notizie?
Iscriviti alla Newsletter di Terra e Missione

Lascia un commento