Mongolia. «Camminare con il popolo è la nostra missione»

di Redazione

I casi di coronavirus nel Paese sono 41 e il numero dei decessi è pari a zero ma anche in Mongolia è scattato il lockdown e i missionari fanno del loro meglio per proteggere la popolazione locale e se stessi dal contagio.

Suor Sandra Garay è nata in Argentina. Dopo la formazione religiosa in Italia per diventare missionaria della Consolata, ha studiato negli Stati Uniti e poi lavorato con i migranti ispanici nel Michigan. Nel 2004 è partita per la Mongolia e attualmente lavora nella missione di Arvaikheer, nel Centro-sud del Paese.

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=KhjDd-sLSZA&w=560&h=315]

Via Whatsapp ci racconta le difficili condizioni in cui vive la popolazione locale, aggravate dalla sospensione delle attività: «La vita qui è ancora più dura. In questa primavera insolitamente più calda per via dei cambiamenti climatici, la desertificazione avanza e le riserve di acqua scarseggiano. Da una parte è bello dire che fa più caldo ma dall’altra c’è un prezzo molto alto da pagare perché tutto l’ecosistema è in pericolo.

Come se non bastasse, le risorse di cui dispone la maggior parte delle persone sono appena sufficienti per pagare il necessario. Si sopravvive a fatica e, fin da piccoli, bisogna imparare a vivere con il minimo indispensabile. Ma basta pochissimo, una malattia o una difficoltà, come l’attuale periodo che tutti stiamo vivendo, per ritrovarsi in una situazione di debito e alla povertà estrema. Noi missionari contribuiamo come possiamo, dalla cura della salute alle necessità di chi non riesce a procurarsi carbone per la stufa, cibo e medicine».

«Ma c’è un bisogno ancora più prioritario per loro – sottolinea sr. Sandra -, ed è sapere che c’è qualcuno che cammina al loro fianco, che li accoglie e condivide emozioni, timori e fragilità. Hanno bisogno di sapere che sono amati, che la loro vita è importante e che vale sempre la pena vivere. È questo il senso della nostra missione in questa terra: stare qui in punta di piedi, come amici e non come maestri, ed essere segno della misericordia di Dio».

L’audio dell’intervista a sr. Sandra

[soundcloud url=”https://api.soundcloud.com/tracks/813471448″ params=”color=#ff5500&auto_play=false&hide_related=false&show_comments=true&show_user=true&show_reposts=false&show_teaser=true” width=”100%” height=”166″ iframe=”true” /] Terra e Missione · Mongolia in punta di piedi, di sr. Sandra Garay

One Comment Add yours

Lascia un commento